Public days: 6 - 8 novembre 2020

Artissima e Intesa Sanpaolo iniziano nel 2020 un nuovo dialogo grazie alla comune convinzione che l’arte sia un motore fondamentale per riattivare meccanismi virtuosi di dinamismo sociale e arricchimento culturale.
L’importante investimento su Torino e sul Piemonte di Intesa Sanpaolo, con la prossima apertura di una nuova sede delle Gallerie d’Italia in Piazza San Carlo, si affianca alla mission di Artissima, attore pubblico di primo piano della vita culturale del territorio.

Michele Coppola, Executive Director Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo, dichiara:
Il sostegno ad Artissima rientra in una precisa strategia di promozione dell’arte moderna e contemporanea che ha al centro la nostra collezione d’arte e le Gallerie d’Italia. Iniziare a lavorare con Artissima è una nuova tappa verso l’apertura delle Gallerie di Piazza San Carlo dedicate principalmente alla fotografia e al mondo digitale, che si uniranno alle tante realtà del contemporaneo che fanno di Torino una delle maggiori città d’arte in Europa.

La partnership 2020 ha portato alla creazione di un progetto condiviso di riscoperta e valorizzazione dell’Archivio Publifoto di Intesa Sanpaolo con la curatela di Ilaria Bonacossa, Direttrice di Artissima, e Barbara Costa, responsabile dell’Archivio.
La mostra fotografica, dal titolo Folle, verrà presentata in occasione di Artissima Unplugged in duplice versione: sul digitale nella sua forma completa di ventisei scatti selezionati, e in versione fisica presso la GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea dove sarà presente un distillato della selezione integrale. (La mostra fisica è rinviata al mese di dicembre compatibilmente con l’uscita di nuovi decreti).

Folle riunisce fotografie scattate tra il 1930 e il 1980 che raccontano trasformazioni sociali e politiche del paese catturando diversi momenti di aggregazione sociale. Vivere il distanziamento sociale, concetto così estraneo alle nostre pratiche di convivenza e convivialità, ha portato le curatrici a selezionare rappresentazioni di diversi tipi di folle partecipanti a eventi che spaziano dalla cultura allo sport, dalla mondanità alla protesta e dalla quotidianità del viaggiare alla partecipazione a riti sacri per portare lo spettatore a ricordare quale sia la sensazione di far parte di una grande moltitudine di persone.

La piattaforma digitale dedicata, ospitata su artissima.art dal 4 novembre 2020 al 9 gennaio 2021 è visitabile qui: Folle. Vi accoglierà un’interfaccia semplice e intuitiva nella forma e nella navigazione: un grande muro virtuale sul quale si visualizzano le opere selezionate, ciascuna con un testo di approfondimento sul contesto socio-politico in cui è stata scattata.

Agli scatti della mostra Folle potranno ispirarsi anche i partecipanti al concorso Sunday Photo de “La Stampa”, storico media partner di Artissima, di cui Ilaria Bonacossa è membro della giuria. Prendendo come spunto le immagini presenti in mostra e sulla piattaforma online, i lettori saranno invitati a inviare un proprio scatto alla redazione de “La Stampa” che, gestendo il concorso, selezionerà i migliori – di concerto con Artissima e Intesa Sanpaolo.

► Per scoprire come partecipare al concorso, visitate la pagina dedicata: Contest Sunday Photo

Infine dal 20 novembre 2020 sarà possibile trovare in questa pagina il link per seguire in streaming il convegno “Linee di Energia. Produzione, conservazione e trasmissione dell’arte italiana del ‘900” (comitato scientifico composto da Francesco Tedeschi, Sara Abram, Antonio Rava e presieduto da Giorgio Bonsanti) che si terrà in occasione della pubblicazione degli atti delle prime tre edizioni del convegno “Linee di Energia”, iniziativa promossa da Intesa Sanpaolo, dalla Fondazione Centro Conservazione e Restauro ‘La Venaria Reale’ e dall’Associazione IGIIC – Gruppo Italiano International Institute for Conservation.
L’incontro, che prende forma dal confronto tra artisti, storici e critici d’arte, curatori di musei e istituzioni, conservatori e restauratori, si propone come una nuova riflessione sui contesti di produzione artistica nella seconda metà del Novecento in rapporto alle attuali strategie di conservazione e presentazione delle opere d’arte.

► Per partecipare al convegno digitale è necessario iscriversi, compilando il form che potete trovare qui: Form iscrizione.

Artissima Digital
powered by