Public days: 6 - 8 novembre 2020
Blog

Why Torino in Autumn?

6 Ottobre 2017 Journal News

Perché Novembre a Torino è Artissima! E per l’occasione la città intera diventa il fulcro dell’arte contemporanea in Italia. Un programma ricco di mostre ed eventi nelle principali istituzioni e gallerie accompagnerà la 24ª edizione della fiera, fino alla fine di questo autunno.

Il Castello di Rivoli ospita nella Manica Lunga la retrospettiva dell’artista di origine armena Anna Boghiguian e, a partire dal 2 novembre, una grande mostra dedicata a Gilberto Zorio, tra i pionieri della storia dell’arte contemporanea e tra i protagonisti dell’Arte Povera. A seguire, dal 3 novembre, aprirà la mostra dedicata a Cécile B. Evans, vincitrice del premio illy Present Future 2016, assegnato durante l’ultima edizione di Artissima. E fino al 31 dicembre alcuni capolavori della collezione permanente sono raccolti nell’esposizione Un Taglio Contemporaneo dedicata alla “ri-scoperta” dell’arte contemporanea in un percorso dagli albori della contestazione studentesca nel 1967-68 fino ai giorni nostri.

Alla GAM – dal 1 novembre al 14 gennaio – la mostra Io non amo la natura. Pop art italiana dalle collezioni della GAM, un omaggio alla celebre corrente attraverso le opere di artisti del calibro di Jannis Kounellis, Michelangelo Pistoletto, Piero Gilardi, Giosetta Fioroni, Pino Pascali, per citarne alcuni. Fino a fine novembre, permane la mostra Dalle bombe al museo, che illustra attraverso le opere della collezione la rinascita degli spazi e degli intenti della GAM dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Fino a fine gennaio invece saranno visitabili le mostre 1959-1962: Il Giappone A Torino e Sportification.

La Fondazione Merz inaugura il 30 ottobre la mostra personale dell’artista cubano Carlos Garaicoa El Palacio de las Tres Historias, un progetto espositivo inedito, costituito da due grandi installazioni e opere fotografiche, dedicato al tema della metropoli quale spazio ideale, luogo di partecipazione e di crescita di storie e prospettive, con particolare riferimento alla città di Torino.

Il calendario autunnale della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo offre al pubblico diverse mostre: fino al 15 ottobre A House, Halfway, una collettiva sul tema “Casa di Accoglienza” e la personale di Ghita Skali, Palm Attacks; mentre durante la settimana di Artissima – il 3 novembre – inaugura la prima personale in Europa dell’artista Sanya Kantarovsky.

Lo stesso giorno inaugura anche la mostra Come una Falena alla Fiamma, un’esposizione che si pone l’obiettivo di creare un ritratto della città di Torino a partire dagli oggetti che la città stessa e i suoi residenti hanno collezionato, per l’occasione esposte alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e alle OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino, nuovo polo culturale recentemente inaugurato.

Sempre al tema del collezionismo fa riferimento la mostra Paranormal. Tony Oursler Vs Gustavo Rol ospitata alla Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli dal 3 novembre al 25 febbraio. Una raccolta ideale costituita dalle opere del noto artista americano e da una selezione di oggetti appartenenti alla sua enorme collezione legata al mondo dell’occulto, posti in relazione all’attività e alle opere presenti nelle collezioni torinesi del pittore sensitivo Gustavo Rol, attivo a Torino nella seconda metà del Novecento.

E dalla riflessione sull’anima magica di Torino, si passa a quella sulla sua veste barocca a cui è dedicata la mostra Doppio Sogno dell’artista contemporanea Elisa Sighicelli, rimasta affascinata dall’architettura di Palazzo Madama e dalla pittoricità e fluidità dei riflessi delle sue vetrate, che ha voluto immortalare in due trittici fotografici stampati su raso ed esposti al piano nobile del museo in occasione di Artissima e oltre, dal 1 novembre al 29 gennaio.

Uno sguardo all’insolito attraversa anche le mostre allestite, fino al 14 gennaio, al Museo Ettore Fico che ospita, anche nella sua nuova sede di via Filippo Juvarra 15, due esposizioni dedicate a Niki de Saint Phalle, figura maggiore e unica esponente femminile del Nouveau Réalisme: una antologica e una dedicata al celeberrimo “Giardino dei Tarocchi” di Capalbio.  Nella Sede di via Cigna 114, è visitabile anche la mostra Tarocchi che ne ripercorre la storia dalla nascita in Italia alla metà del Quattrocento fino ai giorni nostri.

Presso i Giardini dei Musei Reali, entro il mese di ottobre sarà  visibile al pubblico l’opera Pietre Preziose di Giulio Paolini, un’installazione realizzata dall’artista con marmi provenienti dalla Cappella della Sindone – capolavoro di Guarino Guarini – distrutta dall’incendio del 1997. Un progetto della Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino, realizzato con Reale Mutua.

Ai rapporti fra le forme naturali e quelle storiche e contemporanee del colonialismo è invece dedicata la personale di Uriel Orlow al PAV Un esteso corpus di opere film, fotografie, installazioni e suoni – per delineare uno scenario che ha al centro l’idea del mondo botanico come palcoscenico di complesse ed articolate dinamiche politiche. La mostra inaugurerà il 4 novembre.

Dal 5 novembre invece (e fino al 16 dicembre), torna l’appuntamento autunnale Colazione a Barriera presso l’omonima associazione Barriera che propone la collettiva Collegati Scollegati Collegati… A partire dai tre puntini di sospensione alla fine del titolo, l’esposizione mette volutamente l’accento sul senso di attesa: gli artisti che esporranno, infatti, hanno deciso di non confrontarsi durante la fase di preparazione del progetto e scopriranno le loro rispettive opere solo all’inizio dell’allestimento.

Fino al 26  novembre 2017, Fondazione 107 presenta Malmaison,  mostra personale dell’artista Marcovinicio: un nucleo di disegni e dipinti inediti, appositamente realizzati dall’artista in un progetto organico nato ad hoc per lo spazio espositivo di via Sansovino 234.

Per gli appassionati di fotografia, fino al 7 gennaio: CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia propone la mostra Arrivano i Paparazzi! Fotografi e divi dalla Dolce Vita a oggi: 150 immagini che raccontano l’epopea della “fotografia rubata”, da La Dolce Vita a oggi, in Italia e nel mondo, fra i VIP e le Star di ieri e di oggi.

Per gli amanti del cinema si segnala presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo – fino al 15 ottobre – la proiezione del film The Waterway del duo di artisti francesi Louise Hervé & Chloé Maillet” e la proiezione di Mephobia – Mika Gustafson (Svezia, 2017), il film vincitore della sezione “Irregular Lovers” del Lovers Film Festival che verrà presentato ad Artissima all’interno del programma d’incontri Piper.

In tema di musica e di fotografia, Il festival Club to Club  propone uno speciale appuntamento speciale alle OGR – il 2 novembre – con il live show che vede coinvolti il fotografo Wolfgang Tillmans e il musicista inglese Powell reduci da una collaborazione per il video della personale di Tillmans alla Tate Gallery di Londra.Anche il calendario autunnale delle gallerie torinesi arricchisce il programma di mostre ed esposizioni: Giampiero Biasutti ospita dal 4 novembre la collettiva MIAs Mid-career Italian Artists mentre Biasutti & Biasutti presenta la personale di Piero Ruggeri Da materiche lacerazioni fino al 4 novembre, a cui seguirà Novecento. Una pittura italiana fino al 20 gennaio. Guido Costa Projects inaugura il 4 novembre, in occasione della Notte delle Arti Contemporanne una personale sul lavoro dell’artista Chiara Fumai visitabile fino al 17 febbraio. Da Riccardo Costantini Contemporary è in corso invece la mostra InnSaei, un progetto di sculture site specific dell’artista Ferdi Giardini; il 4 novembre, in parallelo con la presenza della galleria ad Artissima nella sezione Back to the Future con Nicola Ponzio, verranno presentati proprio i suoi lavori più recenti. Continua intanto il programma di residenze di Cripta747, che durante Artissima presenta dal 3 al 5 novembre una mostra dedicata ai vincitori di Cripta747 Residency Programme SEP/OCT 2017: Diogo Evangelista e Viktorija Rybakova. Sempre in occasione della fiera Davide Paduletto Arte Contemporanea inaugura il 4 novembre la mostra Opening Contemporary – Home! Sweet Home mentre fino al 18 novembre ospita la personale di Aron Demetz. Da e/estatic c/o blank è in corso fino al 7 dicembre il progetto espositivo Disegnare l’aria a cura di Carlo Fossati e Raffaella De Chirico ospita dal 4 novembre fino al 14 gennaio la personale di Narciso Contreras dal titolo Libya:  A Human Marketplace e,  nello spazio della Project room, RAR: Paesaggio Immaginale di Federica Patera e Andrea Sbra Perego. La galleria Gagliardi e Domke presenta fino al 20 ottobre la mostra Artisti Della Collezione Gagliardi – 2° Atto. Giorgio Galotti dal 13 ottobre al 22 dicembre presenta la personale della scultrice norvegese Anders Holen. Fa parte della programmazione della galleria anche la mostra collettiva Fondante allestita al Museo della Frutta fino al 10 novembre. In Arco festeggia il trentennale dell’attività espositiva con la mostra collettiva Trent’anni, visitabile fino al 20 gennaio 2018, mentre nella neonata sede in Largo Montebello 40 Luce Gallery ospita No Evidence of Sign – Stephan Balkenhol, Chris Hood, Hugo McCloud, Margo Wolowiec (fino al 27 ottobre) e, dal 4 novembre al 31 gennaio, la personale 1975 – Robert DavisNorma Mangione Gallery presenta fino al 28 ottobre la collettiva a cura di Eva Brioschi Corners / In Between a cui seguirà, dal 4 novembre la mostra personale Anita Leisz a cura di Tenzing Barshee. Dal 31 ottobre 2017, Mazzoleni ospita Colour/Neon In Contextual Play. An installation by Joseph Kosuth a cura di Cornelia Lauf. L’inedita installazione include opere di Enrico Castellani, Lucio Fontana, Yves Klein, Piero Manzoni, Mario Merz, Pier Paolo Calzolari e lo stesso Kosuth. Presso la sede della Galleria Franco Noero in via Mottalciata 10/B è in corso fino al 14 ottobre la personale di Sam Falls sine sole sileo e in Piazza Carignano la mostra di Mark Handforth After Nature. In occasione di Artissima, il 31 ottobre, la galleria aprirà 4 mostre: la personale di Mario Garcia Torres e, negli spazi in residence un progetto di Andrew Dadson; mentre in Piazza Carignano 2 la personale di Pablo Bronstein e al Museo del Risorgimento il progetto off-site di Martino Gamper. Alan Charlton ritorna a Torino alla Noire Gallery fino al 10 gennaio, con una personale appositamente realizzata per gli spazi della galleria. Alberto Peola Arte Contemporanea ospita una personale di Gabriele Arruzzo, fino al 28 ottobre, mentre il 4 novembre inaugurerà una personale di Botto & Bruno – White Noise, a cura di Lea Mattarella. Giorgio Persano presenta fino al 14 ottobre Stanze, dedicata all’artista Per Barclay, un percorso visivo e di senso a cui seguirà dal 30 ottobre la personale del pittore austriaco Herbert Brandl. Photo & Contemporary presenta fino al 29 ottobre la mostra Vintage Polaroids 1981 – 1997, una selezione di istantanee realizzate da Giovanni Gastel e presentate al Palazzo della Triennale di Milano nell’autunno del 1997 in una mostra curata da Germano Celant. La galleria Weber & Weber ospita la mostra Mending sull’artista Greta Pasquini (fino al 21 ottobre) e Opere di Antonio Violetta (fino al 23 dicembre). Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea ospita a Torre Pellice la personale di Tony Cragg Skulls Etc e quella di Giuseppe Penone Images de Pierre (fino al 5 novembre). Il 27 ottobre, inoltre, inaugura un nuovo spazio in Via Bertolotti 2 a Torino con una personale di Christiane Löhr.
Fuori Torino infine, il Castello di Rivara, Museo d’Arte Contemporanea ripropone il tradizionale Equinozio dAutunno #30 (fino al 5 novembre), e parallelamente un trittico dedicato agli artisti Hermann Nitsch, Giuseppe Chiari e Alighiero Boetti.

Artissima Digital
powered by