Public days: 6 - 8 novembre 2020
Blog

Artissima Stories: Carlos Marsano in conversazione con Neda Young

24 Ottobre 2019 Artissima Stories

Le collezioni sono creature viventi. Come sviluppi la tua? Qual è il filo che collega le opere che acquisti?

Neda Young: La mia collezione vive con me nella mia casa, insieme alla mia famiglia e ne fa parte. In particolare col passare del tempo, queste opere d’arte diventano vecchi membri della famiglia. Il filo che collega la mia collezione d’arte è che ogni pezzo racconta la storia di come è entrato a farne parte; inoltre, sono tutte opere di artisti viventi o artisti che erano vivi quando ho comprato l’opera. Conoscere l’artista mi permette di parlare di come è stato concepito quel pezzo e di conoscere i sentimenti da cui è scaturito il processo creativo. Questo rende il mio rapporto con la mia collezione più personale e ogni cosa ha un significato più profondo quando la guardo.

Carlos Marsano: Le collezioni sono creature viventi perché sono in costante evoluzione. Il legame con l’arte è un’esperienza di apprendimento continuo. L’occhio è come un muscolo che si allena e si evolve ogni giorno. Essere un amante dell’arte significa leggere continuamente, fare ricerche, parlare con galleristi e curatori e cercare di rimanere informato su mostre, fiere d’arte e biennali. Dal primo pezzo che ho comprato ad oggi sento di aver subito importanti cambiamenti nel modo in cui guardo l’arte. Sono meglio informato e quando compro opere d’arte penso alla mia collezione come a un intero corpus di opere. È importante tenere presente che un gruppo di opere ha bisogno di un filo che unisca i diversi pezzi per creare un dialogo, e non è facile. Inizialmente ero molto impulsivo, ma con il tempo si impara a fare delle scelte e a migliorare il processo decisionale.Sono molto investito nel collezionare giovani artisti contemporanei e mi interesso anche a nuovi materiali, video e sculture multimediali, che possono essere opere molto stimolanti con cui convivere. Sono molto interessato agli artisti che si concentrano sul pensare criticamente al loro presente.

Qual è il ruolo dell’educazione artistica oggi? Pensi che sia importante sostenere un artista investendo nella sua educazione?

NY: Il ruolo dell’educazione artistica dovrebbe essere quello di fornire una conoscenza della storia dell’arte e a volte quello di portare l’arte contemporanea in conversazione con il passato. Inoltre, l’eredità dell’arte classica e la mitologia vengono spesso utilizzate nell’arte contemporanea ma senza una reale conoscenza di esse, quindi diventa molto difficile avere punti di riferimento sull’origine di queste referenze e su come collegarle. Sì, penso che sia importante sostenere gli artisti nella loro formazione e lo faccio molto io stessa. Sono una grande sostenitrice dei programmi di residenza per artisti.

CM: L’istruzione gioca un ruolo importante nella vita degli artisti, ma non è l’unica parte dell’equazione. Gli artisti devono sviluppare il pensiero critico e mettersi in condizione di diventare attori globali. Purtroppo è molto difficile quando vivi in ​​paesi che hanno meno visibilità e piccole scene artistiche. Ecco perché i programmi di residenza diventano così importanti per la carriera di un artista. In Perù insieme a tre miei amici ho sviluppato un’iniziativa chiamata Artus, una piattaforma culturale che attraverso open call e un processo di selezione ci consente di dare accesso al vincitore a programmi di residenza come la Delfina Foundation, Gasworks e altri. È un modo per noi di sostenere l’educazione e avere un impatto sulla carriera dell’artista.

Il collezionismo è contagioso? Come hai cominciato? Puoi dirci se ci sono state persone in particolare che ti hanno introdotto al collezionismo?

NY: Sì, collezionare è una dipendenza per me. Ho studiato storia dell’arte, ma soprattutto crescendo in Croazia, dove l’arte è presente in ogni chiesa e ad ogni angolo di strada, l’arte ha sempre fatto parte della mia vita. E no, non conoscevo nessun collezionista quando ho iniziato.

CM: Non credo che collezionare sia contagioso, ma quando sviluppi il gusto di essere parte attiva della scena artistica globale, diventa parte della tua vita. Mi concentro molto sui giovani artisti all’inizio della loro carriera perché mi piace vederli crescere, il che significa che riesco a connettermi con questo meraviglioso mondo. Sono nato circondato dall’arte perché mio padre era un collezionista e vivo con l’arte a casa mia.

Come ti prepari alla visita di una fiera d’arte? Pianifichi in anticipo e fai un piano di battaglia?

NY: In fiera di solito inizio con alcune gallerie che mi piace visitare; poi vado in giro e scopro sempre qualcosa di nuovo.

CM: Quando visito una fiera d’arte, mi piace decidere quali gallerie saranno le prime della mia lista. Di solito comincio con la sezione giovane dove posso scoprire nuovi talenti.

Come valuti una fiera? In che cosa tieni conto?

NY: Se l’arte è buona, la fiera è buona!

CM: Ci sono così tante fiere oggigiorno, ma tre di loro sono sempre speciali per me, quelle a cui mi sento più legato. Artissima è una di queste.

Cosa rende Artissima speciale per te?

NY: Ad Artissima trovo arte che non si vede a New York. Inoltre, le persone che organizzano la fiera e le visite sono molto accoglienti e c’è sempre tanta ottima arte da vedere.

CM: Mi piace il modo in cui Artissima è strutturata, con le diverse sezioni e il lavoro curatoriale. Artissima è un momento molto speciale per Torino, durante il quale si può trovare un dialogo tra spazi privati e pubblici.

C’è un dolce conforto che si può trovare in alcuni rituali del mondo dell’arte. Ti piace Torino? Hai qualche posto preferito e hai sviluppato tradizioni lì?

NY: L’anno scorso è stata la mia prima visita e l’ho adorata. Naturalmente Flavia si è assicurata che fossimo tutti trattati con estrema attenzione. I rituali della cucina raffinata e le conversazioni artistiche interessanti sono stati i momenti che ho apprezzato di più.

CM: Torino è una città ricca di storia, con il suo straordinario Museo Egizio, il Castello di Rivoli, fondazioni e musei, il tutto combinato con un’ottima cucina, tartufi bianchi e deliziosi vini.

Artissima Digital
powered by