Public days: 6 - 8 novembre 2020
Blog

Artissima Stories: Carlos Marsano in conversazione con Neda Young

24 Ottobre 2019 Artissima Stories

Le collezioni sono creature viventi. Come sviluppi la tua? Qual è il filo che collega le opere che acquisti?

Neda Young: La mia collezione vive con me nella mia casa, insieme alla mia famiglia e ne fa parte. In particolare col passare del tempo, queste opere d’arte diventano vecchi membri della famiglia. Il filo che collega la mia collezione d’arte è che ogni pezzo racconta la storia di come è entrato a farne parte; inoltre, sono tutte opere di artisti viventi o artisti che erano vivi quando ho comprato l’opera. Conoscere l’artista mi permette di parlare di come è stato concepito quel pezzo e di conoscere i sentimenti da cui è scaturito il processo creativo. Questo rende il mio rapporto con la mia collezione più personale e ogni cosa ha un significato più profondo quando la guardo.

Carlos Marsano: Le collezioni sono creature viventi perché sono in costante evoluzione. Il legame con l’arte è un’esperienza di apprendimento continuo. L’occhio è come un muscolo che si allena e si evolve ogni giorno. Essere un amante dell’arte significa leggere continuamente, fare ricerche, parlare con galleristi e curatori e cercare di rimanere informato su mostre, fiere d’arte e biennali. Dal primo pezzo che ho comprato ad oggi sento di aver subito importanti cambiamenti nel modo in cui guardo l’arte. Sono meglio informato e quando compro opere d’arte penso alla mia collezione come a un intero corpus di opere. È importante tenere presente che un gruppo di opere ha bisogno di un filo che unisca i diversi pezzi per creare un dialogo, e non è facile. Inizialmente ero molto impulsivo, ma con il tempo si impara a fare delle scelte e a migliorare il processo decisionale.Sono molto investito nel collezionare giovani artisti contemporanei e mi interesso anche a nuovi materiali, video e sculture multimediali, che possono essere opere molto stimolanti con cui convivere. Sono molto interessato agli artisti che si concentrano sul pensare criticamente al loro presente.

Qual è il ruolo dell’educazione artistica oggi? Pensi che sia importante sostenere un artista investendo nella sua educazione?

NY: Il ruolo dell’educazione artistica dovrebbe essere quello di fornire una conoscenza della storia dell’arte e a volte quello di portare l’arte contemporanea in conversazione con il passato. Inoltre, l’eredità dell’arte classica e la mitologia vengono spesso utilizzate nell’arte contemporanea ma senza una reale conoscenza di esse, quindi diventa molto difficile avere punti di riferimento sull’origine di queste referenze e su come collegarle. Sì, penso che sia importante sostenere gli artisti nella loro formazione e lo faccio molto io stessa. Sono una grande sostenitrice dei programmi di residenza per artisti.

CM: L’istruzione gioca un ruolo importante nella vita degli artisti, ma non è l’unica parte dell’equazione. Gli artisti devono sviluppare il pensiero critico e mettersi in condizione di diventare attori globali. Purtroppo è

Artissima Digital
powered by