Public days: 6 - 8 novembre 2020
Blog

Artissima Stories: Joumana Asseily in conversazione con Francisco Fino

10 Ottobre 2019 Artissima Stories

Beirut e Lisbona: due nuove destinazioni del mondo dell’arte che sono diventate luoghi speciali per gli artisti. Joumana Asseily di Marfa’ e Francisco Fino raccontano come hanno iniziato a lavorare con la scena artistica locale e le sfide poste dalle loro rispettive città.

Joumana Asseily: Una galleria sostiene e promuove il lavoro degli artisti in cui crede. In questo modo si è legati da una relazione a lungo termine in cui entrambi si contribuisce ad una crescita reciproca. Dopo essere finalmente tornata a Beirut nel 2008, ho deciso di sostenere la scena locale. Io personalmente ho studiato arte a Parigi (Peningen) e collezionavo già giovani arti-sti in cui credevo. Ho appoggiato istituzioni locali come il Beirut Art Center con mostre di Gerhard Richter, Giuseppe Penone e Kader Attia; sono anche entrata nel board di Ash-kal Alwan. Nel frattempo mi sono immersa in una scena artistica molto interessante e ho realizzato che Beirut aveva bisogno di nuovi spazi, nove gallerie, per rappresentare alcuni di questi artisti che non avevano la possibilità di mostrare il proprio lavoro nel mio paese. Ho aperto la galleria a ottobre 2015, sapendo che il Museo Sursock stava riaprendo dopo diversi anni e che stava per inaugurare anche la fondazione Aïshti. È stato un autunno molto speciale e immagino il momento ideale per aprire la galleria, con così tanti visitatori in città.

Francisco Fino: Le nostre storie in realtà sono molto simili! Essendo cresciuto in una famiglia di collezionisti e in stretta relazione con questo ambiente, ho capito presto che volevo aprire una galleria. Tuttavia, sono tornato a Lisbona nel 2008 nel bel mezzo della crisi finanziaria, così ho deciso di iniziare con progetti nomadi che mi hanno permesso di sentire il polso del mercato e della scena artistica. È stato un processo molto interessante che è culminato con l’apertura dello spazio della galleria nel 2017. Per me una galleria è uno spazio dedicato alla promozione del lavoro degli artisti, ma allo stesso tempo un’estensione del loro studio —uno spazio che accoglie diversi stadi della loro produzione, e il rischio inerente che questo comporta. Credo che la sfida principale dell’avere sede a Lisbona sia la sua posizione periferica rispetto al mercato. Tuttavia, dopo il forte impatto della crisi finanziaria, gli ultimi anni hanno visto una ripresa economica. È una città attraente per artisti e altri agenti, con il costo della vita ancora relativamente basso (anche se sta cambiando!) e una proporzione umana piacevole. Ciò ha provocato una reazione a catena: artisti che si trasferiscono qui; curatori che vengono a vedere il loro lavoro e istituzioni che rendono i loro programmi più internazionali; fiere che aprono qui per accogliere questo flusso e questa crescita.

JA: Beirut ha una storia speciale: ha attraversato molte vicissitudini negli ultimi quarant’anni e viviamo ancora in un periodo di incertezza, anche se la guerra civile è finita quasi trent’anni fa. Nonostante tutto, la cultura è sempre rimasta una priorità e ha sempre prosperato. Tutto ciò consente alla creatività di crescere ed è davvero affascinante esserne testimone. Numerose istituzioni e organizzazioni d’arte lavorano incessantemente per mostrare il lavoro di artisti locali, ma presentano anche quello di rinomati artisti internazionali al pubblico locale. Tra queste ci sono il Sursock Museum, la Arab Image Foundation, Ashkal Alwan e il Beirut Art Center, per citarne alcuni. Tuttavia ci troviamo in una piccola città, e una galleria per sopravvivere ha bisogno di espandere il proprio pubblico, conoscere nuovi collezionisti e istituzioni e dare la possibilità ai propri artisti di mostrare ad un pubblico internazionale. Participare alle fiere è parte del gioco. È un investimento consistente ma molto importante e ne vale la pena. Ci sono diversi fattori che dobbiamo prendere in considerazione quando pianifichiamo una fiera d’arte, a seconda delle opere, del progetto o dell’artista stesso.

FF: La selezione degli artisti dipende dalla fiera e dal suo mercato. Siamo una giovane galleria, quindi stiamo ancora testando le acque in alcuni circuiti. In ogni caso, di solito cerco di portare un’opera di ogni artista e di pensare allo stand come a un dialogo in cui tutti gli artisti/opere contribuiscono alla conversazione. Tengo anche a mente che lo stand dovrebbe dire qualcosa sul programma recente e imminente della galleria.

JA: Questa sarà la mia prima volta a Torino, e sono molto emozionata. Sarà molto interessante incontrare nuovi collezionisti e visitare tutte le istituzioni importanti per cui la città è famosa. Non vedo l’ora! Nella tua esperienza Artissima ha avuto un ruolo nell’incontrare nuovi curatori e collezionisti che sono stati importanti per la crescita della galleria? Puoi condividere un episodio in particolare o un aneddoto dalla tua prima volta in fiera?

FF: Questa sarà la nostra terza volta ad Artissima —abbiamo fatto New Entries nel 2017 e Main Section e Artissima Sound l’anno scorso. Quest’anno abbiamo due stand: uno nella sezione principale e uno a Disegni, con un progetto di Diogo Evangelista. È molto importante per noi conoscere il pubblico attraverso diverse sezioni e progetti curati. Per me, come giovane galleria, Artissima è stata un’occasione importante per incontrare per la prima volta collezionisti, che ho poi incontrato di nuovo in altri contesti. È stato un posto dove sono cominciate delle relazioni. In realtà, la nostra prima volta in fiera abbiamo presentato un film di Gabriel Abrantes e lo abbiamo venduto a un collezionista che l’aveva già visto a SPArte, quindi è stata una buona prima esperienza e un buon calcio d’inizio per le successive partecipazioni… Crescere per me significa arrivare continuamente a un punto in cui hai una sostenibilità e una proiezione che ti consentono di trovare un equilibrio tra il sostegno di giovani artisti o progetti rischiosi e di essere una piattaforma pertinente per artisti più affermati.

JA: La crescita arriva attraverso la sicurezza, la coerenza e l’attenersi fermamente a ciò in cui si crede. Si cresce quando si è degni di fiducia, supportati e incoraggiati ad andare oltre.

Artissima Digital
powered by